A come atelier III

georgia o'keeffee

Georgia O’Keeffe

edvard munch

Edvard Munch

famous-artists-studios-muses11__880

Claude Monet

hans hartung

Hans Hartung

francis bacon

Francis Bacon

roi liechtenstein

Roy Lichtenstein

yue minjun

Yue Minjun

juan mirò

Juan Mirò

pablo picasso

Pablo Picasso

keith haring

Keith Haring

A come autoritratto I

“L’autoritratto è un’arte a sé, basata sull’introspezione; vi è un che di inquietante nella furtiva esplorazione del confine che separa chi guarda da che è guardato.” dall’introduzione di Cinquecento autoritratti di Julian Bell.

Brevissima carrellata di autoritratti, che mi piacciono tanto, e che sarà ampliata mano a mano.

Self_portrait_by_edward_hopper

hopper-self-portrait-1925-30

Edward Hopper

033_romaine_brooks_theredlist

self-portrait-1923

Romaine Brooks

Calder-self-portrait-1

Alexander Calder

escher411

Escher-autoritratto-fotografiaprofessionale

Maurits Cornelis Escher

download

8a6eae0cb18242f4b7119299dc8631b5

Franz Xavier Messerschmidt

Francis Bacon - Self-Portrait

Francis-Bacon-Three-Studies-for-a-Self-Portrait-

self-portrait-bacon-1971-pompidou

Francis Bacon

B come bellezza

Questo-BACON-Autoritratto_1Francis Bacon

Nelle mie esperienze di laboratori d’arte con i bambini, mi sono resa conto abbastanza in fretta che un’idea fondamentale riguardante l’arte era che arte corrispondesse a bellezza. I bambini avevano però una elasticità di pensiero per cui nel giro di mezz’ora spesso (ma non sempre!) cambiavano quest’ idea, al contrario dei loro genitori con cui, molto spesso, mi risultava molto più difficile vedere questo cambiamento d’ottica, pur adottando discorsi più complessi e pertinenti.

“Un altro tipo di pregiudizio o di confusione essenziale e verbale, dal quale è necessario preliminarmente sgombrare il campo, è quello che, per secoli, ha portato il discorso comune e a volte anche quello filosofico ad identificare arte e bellezza.[…]

In ogni modo il campo della Bellezza (come quello dell’esteticità) non può essere mai verificato come coestensivo, o addirittura identificabile, con il campo, che si presenta nettamente distinto per operazioni e finalità, dell’arte come vera e propria artisticità.

Più adeguatamente, si potrebbe dire che l’arte è costituita da insiemi di senso in organizzazioni segniche dove è possibile rintracciare popolazioni di enunciati di ogni tipo, descrittivi, esplicativi, comunicativi, valutativi, non solo, ma anche il loro continuo riflettersi in significazioni più o meno simboliche e teoriche.” Dino Formaggio in L’arte come idea e come esperienza.

“La distanza fra l’epoca nostra e quella che siamo abituati a considerare la genesi della nostra cosmogonia estetica è in realtà lunghissima, c’è chi considera tuttora Les demoiselles d’Avignon di Pablo Picasso un’opera di difficile comprensione, al pari dell’Ulisse di James Joyce o di Verklarte Nacht di Schonberg, eppure il tempo trascorso da allora ad oggi è uguale a quello passato dalla battaglia di Waterloo alla Prima guerra mondiale o, per chi si appassiona alla musica, al tempo che corre dal Flauto Magico di Mozart alla Bohème di Puccini. […] Mai la storia fu così crudele e carica di drammi come nell’epoca nostra e mai così lenta nelle mutazioni del gusto.” Philippe Daverio in Il secolo spezzato delle avanguardie.