M come mare II

“Tutto il mio lavoro si ispira al mare, soprattutto le curve naturali create dalle onde.”Sakiyama Takayuki

 Takayuki-Sakiyama-4st2_croptumblr_inline_n7f71egM011qecfdwtakayukiSakiyama_3220primary_91582-53671726aab2448598a321d773d791715hb_2004.201

25390deb05f137eaa5b5ce5b1bf20c9c9370cd22a9ecb3a14d835167cf4fed8c

b41efd4f7a0b94c844a9639c8ecbd471Sakiyama-Takayuki-b.-19582000.96_transp4787
4ba2cefc543eca0fbdd9c855860bf5d351c865e1d03e529cac3a88203b35f56687ceee8e
Annunci

M come mare

Amore di lontananza

Ricordo che, quand’ ero nella casa
della mia mamma, in mezzo alla pianura,
avevo una finestra che guardava
sui prati; in fondo, l’argine boscoso
nascondeva il Ticino e, ancor più in fondo,
c’era una striscia scura di colline.
Io allora non avevo visto il mare
che una sol volta, ma ne conservavo
un’aspra nostalgia da innamorata.
Verso sera fissavo l’orizzonte;
socchiudevo un po’ gli occhi; accarezzavo
i contorni e i colori tra le ciglia:
e la striscia dei colli si spianava,
tremula, azzurra: a me pareva il mare
e mi piaceva più del mare vero.

Milano, 24 aprile 1929

Antonia Pozzi

kroyer12 Krøyer_Sommeraften_Skagen_Sønderstrand peder severin kroyer

Peder Severin Krøyer