C come coraggio

Ascolta il passo breve delle cose.

“Ascolta il passo breve delle cose
-assai più breve delle tue finestre-
quel respiro che esce dal tuo sguardo
chiama un nome immediato: la tua donna.
E’ fatta di ombre e ciclamini,
ti chiede il tuo mistero
e tu non lo sai dare.
Con le mani
sfiori profili di una lunga serie di segni
che si chiamano rime.
Sotto, credi,
c’è presenza vera di foglie;
un incredibile cammino
che diventa una meta di coraggio.

Alda Merini

Annunci

A come armonia

Un’armonia mi suona nelle vene

Un’armonia mi suona nelle vene,
allora simile a Dafne
mi trasmuto in un albero alto,
Apollo, perché tu non mi fermi.
Ma sono una Dafne
accecata dal fumo della follia,
non ho foglie nè fiori;
eppure mentre mi trasmigro
nasce profonda la luce
e nella solitudine arborea
volgo una triade di Dei.

Alda Merini

P come pioggia II

VortexF1-1759x1280

ReasonableDoubt-1272x1280

AboveBelow-1276x1280

LookingGlass-1631x1280

IndefiniteStruggle1-1816x1280

21UntilNow-1713x1280

8

5

4

2

1

quadri di Gregory Thielker

Ascoltavo la pioggia

Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quale fragile ardore
sillabava e moriva.

L’infinito tendeva
ori e stralci di rosso
profumando le pietre
di strade lontane.

Mi abitavano i sogni
odorosi di muschio
quando il fiume impetuoso
scompigliava l’oceano.

…Ascoltavo la pioggia…
domandare al silenzio
quanti nastri di strade
annodavano il cuore.

…E la pioggia piangeva…
asciugandosi al vento
sopra tetti spioventi
di desolati paesi.

Alda Merini

M come mano

mani Shirin-Neshat1-250x372

tumblr_lxkl5duq2s1r3bizmo1_1280 faith-1-neshat the-passenger-times-best-photographers-neshat-shirin-01-detail-940x530 tumblr_mg4ggiXGto1qgljgko1_500

Shirin Neshat

neshat-thumbnail

  Solo un mano d’angelo
intatta di sé, del suo amore per sé,
potrebbe
offrirmi la concavità del suo palmo
perché vi riversi il mio pianto.
La mano dell’uomo vivente
è troppo impigliata nei fili dell’oggi e dell’ieri,
è troppo ricolma di vita e di plasma di vita!
Non potrà mai la mano dell’uomo mondarsi
per il tranquillo pianto del proprio fratello!
E dunque, soltanto una mano di angelo bianco
dalle lontane radici nutrite d’eterno e d’immenso
potrebbe filtrare serena le confessioni dell’uomo
senza vibrarne sul fondo in un cenno di viva ripulsa.

Alda Merini