N come nostalgia

“La sua esistenza non può fare a meno della nostalgia; il luogo dove non ci si trova, il nostro altrove, è come la forma dell’onda e quella del vento che si sono impresse per sempre nella conchiglia.” Anna Marchesini in Moscerine

7553943958_b56707b233_z 9643771145_918d20c8dd_b 10824961524_a6234f10dc_b dc1b0368-ee99-43bd-a46c-9860f635b818_zpseca80719 eta15_1 eta15_2 eta15_4 HerbariumbyYelenaBryksenkova_zps49efc328 kitchen_blog leyendo (2) piccolo_zps925707b9 sadgirl_blog

19187368511_df01d680b5_z 18561258344_3cec0585a5_z shelter1

Yelena Bryksenkova

N come natura II

Non vedo l’ora di vedere la Biennale d’arte di Venezia. Tra i tanti artisti che ammiro, eccone uno che mi entusiasma: Herman De Vries (e non solo per il suo aspetto incantevole).20140807141232-herman_de_vries_door_Robin_de_Puy_Large de vries verzameling 20111023202532-devries_2003_diezweigederbaeume 2012_hdv_immessounane110x164cm_100_02 1997_720px_collage_forest-floor 7c03d8aac9 20120215234425-02--2.15.12 herman-de-vries-das-große-rasenstück-2004-photo-herman-de-vries-archive herman-de-vries-die-steine-detail-2009-photo-herman-de-vries-archive herman-de-vries-from-the-laguna-from-venice-a-journal-2014-details-DEF parisart-15-AV-De-Vries-04G-39216 picture-82 unter der weide vries-herman-de-1931-netherlan-junius-effusius-2969552 wpid-1234391267image_web

Ecco l’invito che formula per visitare il suo lavoro per la Biennale al padiglione Olanda: “Visitate la Laguna, guardate, ascoltate, annusate, sentite ed entrate in tutti i suoi aspetti. Poi, in ultimo, state attenti.”

“Fin dall’ inizio della mia vita e da principio della mia carriera artistica, quando cominciai a concepire i miei primi lavori, sessant’ anni fa, la natura si è presentata come un’istanza urgente. Questa è la nostra realtà primaria. Tutte le altre dimensioni del nostro vivere sono secondarie.”

“La natura presenta e rappresenta se stessa. […] La natura è arte.”

“Questo è il nostro compito sulla terra: quello di scoprire che cos’ è essere diventati quel che noi siamo.”

N come natura

tumblr_lzq048gzTw1qghk7bo1_1280

goldsworthy roman leaves and hole

andy-goldsworthy-1

art 140

1996-Andy-GOLDSWORTHY_zoom_width

Andy Goldsworthy

“La mia arte mi fa vedere ciò che esiste, e da questo punto di vista sto anche riscoprendo il fanciullo che è in me. In passato mi infastidiva che la mia arte fosse associata ai bambini, per via dell’implicazione che ciò che faccio è mero gioco. Ma ora che ho dei figli e vedo con quale intensità fanno le loro scoperte attraverso il gioco, devo riconoscere anche io questo aspetto della mia opera”.

“Ho dovuto dimenticare la mia idea di natura e imparare di nuovo che un sasso è duro, ma intanto ho scoperto che è anche morbido. Ho strappato foglie, frantumato pietre, tagliato piume…per andare oltre le apparenze e toccare qualcosa dell’essenza”.

“L’opera è il luogo”.