E come eco

foto-storiche-villaggi-pescatori-norvegia-hebe-robinson-4foto-storiche-villaggi-pescatori-norvegia-hebe-robinson-8robinson_lofotenltvs-heberobinson-04lofoten_4Hebe-Robinsontumblr_inline_nn5r1rxzuG1s2t9m4_540robinsonh_lofoten01robinsonh_lofoten_bresson2robinson6121_1l_17web

Hebe Robinson

L’eco

Raggiungimi, dunque. Qui si tocca il cielo stellato
e il richiamo della ghiandaia pulsa ininterrotto.
A notte alta viene l’eco del cane forestiero
che al fondo delle valli insiste
e s’arrovella.

Forse sei in cammino. Ascolto il suono dei passi sul selciato
rimandati dall’andito.

Resto in attesa. Nel buio gelido risuona
il canto liquefatto del viandante che si ferma all’angolo
e al tuo somiglia; eppure tu sei altrove
e lui, per darmi ristoro,
a poco a poco s’addormenta, lascia che la melodia
si stemperi sulle labbra
e lenta
si disperda.

Luigi Manzi