Z come Zaha

03ZHA_Abu_Dhabi_Performing_Arts_Centre_Exterior_Perspective_High_Resolution1508ee07c28ba0d7fea00000b_galaxy-soho-zaha-hadid-architects_galaxy_soho_zha_12-10_5774312308_zaha_hadid_image_01abu-dhabi-performing-arts-centre-by-zaha-hadidhadid3_2665601a-largehadid4_2665602a-largehadid6_2665604a-largehadid8_2665606a-largemessner-mountain-museum-by-zaha-hadid-4-1000Rabat-Grand-Theatre-by-Zaha-Hadid-01regium-waterfront-by-zaha-hadid-squ-3zha_regium-waterfront_the-otherworldly-architecture-of-zaha-hadidtokyo_2664695kz1Zaha_Hadid_Cultural_Center_Renderings05zaha-hadid-beko-building-belgradezaha-hadidUSE-large

zaha_hadid

Zaha Hadid

Annunci

P come ponte

cirkelbroen-500x335-newcykelslangen_dissing-plus-weitling photo_soeren_svendsen2 photo-soeren-svendsen photo-soeren-svendsen-3 photo-soeren-svendsen-for-nordea-fonden

Cirkelbroen di Olafur Eliasson a Copenhagen

Oltre il ponte

O ragazza dalle guance di pesca,
O ragazza dalle guance d’aurora,
Io spero che a narrarti riesca
La mia vita all’età che tu hai ora.
Coprifuoco: la truppa tedesca
La città dominava. Siam pronti.
Chi non vuole chinare la testa
Con noi prenda la strada dei monti.

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l’altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent’anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l’amore.

Silenziosi sugli aghi di pino,
Su spinosi ricci di castagna,
Una squadra nel buio mattino
Discendeva l’oscura montagna.
La speranza era nostra compagna
Ad assaltar caposaldi nemici
Conquistandoci l’armi in battaglia
Scalzi e laceri eppure felici.

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l’altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent’anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l’amore.

Non è detto che fossimo santi,
L’eroismo non è sovrumano,
Corri, abbassati, dài, balza avanti,
Ogni passo che fai non è vano.
Vedevamo a portata di mano,
Dietro il tronco, il cespuglio, il canneto,
L’avvenire d’un mondo più umano
E più giusto, più libero e lieto.

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l’altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent’anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l’amore.

Ormai tutti han famiglia, hanno figli,
Che non sanno la storia di ieri.
Io son solo e passeggio tra i tigli
Con te, cara, che allora non c’eri.
E vorrei che quei nostri pensieri,
Quelle nostre speranze d’allora,
Rivivessero in quel che tu speri,
O ragazza color dell’aurora.

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
Oltre il ponte che è in mano nemica
Vedevam l’altra riva, la vita,
Tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte,
Tutto il bene avevamo nel cuore,
A vent’anni la vita è oltre il ponte,
Oltre il fuoco comincia l’amore.

Italo Calvino

C come casa II

Nei laboratori d’arte con i bambini che tenevo qualche anno fa, proponevo loro di riflettere su come avrebbero voluto realizzare le loro case e le loro città; prima di metterci all’opera ci divertivamo con la visione di queste bellissime e fantasiose case, realizzate da un pittore famoso che solo a 55 anni ha deciso di diventare architetto: Friederich Hundertwasser. “L’arte per l’arte è un’aberrazione; l’architettura per l’architettura è un crimine.” “Quando lasceremo che la natura stessa ridipinga le pareti delle nostre abitazioni…queste diventeranno umane e saremo in grado di vivere di nuovo.” “La mia ossessione per la qualità del dipinto mi aveva preparato ai problemi legati alla qualità della vita, alla dignità del lavoro, all’igiene morale dell’ecologia.” 276607488_e1574e3a0c 200235image001 124919 18947 220px-Abensberg_Kuchlbauerturm_von_Hundertwasser http-inlinethumb14.webshots.com-39373-2809881170103830173S600x600Q85 http-inlinethumb29.webshots.com-23516-2317602260103830173S600x600Q85 http-inlinethumb39.webshots.com-41254-2204205290103830173S600x600Q85 hundertwasser_haus_wien_house_vienna_spaetsommer_late_summer_bh274_g hundertwasser_house hundertwasser_house430x300 Waldspirale_-_Darmstadt_-_Friedensreich_Hundertwasser_-_Heinz_Springmann_-_09 Magdeburg_Hundertwasserhaus hunderwasser2 Waldspirale_-_Darmstadt_-_Friedensreich_Hundertwasser_-_Heinz_Springmann_-_13 waldspirale_hundertwasser_building friedensreich_hundertwasser_candypingpong_13 friedensreich_hundertwasser_candypingpong_08 friedensreich_hundertwasser_candypingpong_05 201100003883-300x300 akt_bg_hundertw01

A come arcobaleno

La scorsa estate sono stata in Danimarca in una bella città di nome Aarhus, la seconda in ordine di grandezza dopo Copenhagen. In una giornata particolarmente grigia (come spesso può capitare) ho visto il più bell’arcobaleno della mia vita.

WP_20140713_020

Your Rainbow Panorama di Olafur Eliasson al Museo Aros 

WP_20140713_009

WP_20140713_010

WP_20140713_016

WP_20140713_018

WP_20140713_011

E guardate in una giornata di sole come può apparire (le foto qui sotto non sono mie ma tratte da questo interessantissimo blog: http://interactive-installations.tumblr.com/)

tumblr_mrra9yAZMg1qiv63po4_1280

tumblr_mrra9yAZMg1qiv63po3_1280tumblr_mrra9yAZMg1qiv63po2_1280

Olafur Eliasson é una delle superstar dell’arte contemporanea. Per le sue installazioni usa la luce, i riflessi e dunque gli specchi, acqua e aria. Entrare a contatto con le sue installazioni è vivere un’esperienza di consapevolezza di tutti i propri sensi.

“La percezione e l’esperienza fisica sono pietre miliari dell’arte e possono funzionare come strumenti per il cambiamento sociale.”

“La luce e l’interazione sociale sono legate l’una con l’altra. Ricordo a Reykjavík, all’inizio degli anni Settanta con la prima crisi del petrolio, quando ero in pigiama a casa dei miei nonni intento a guardare la tv e all’improvviso l’elettricità veniva staccata. Tutto scuro, tv morta. Fuori era ancora il crepuscolo, con quella luce blu particolarissima, e la gente – compresa la mia famiglia – si raccoglieva alle finestre, seduta intorno a un tavolo. Avevo cinque anni ed è stata una delle situazioni più intense che abbia vissuto. Ma anche divertenti: sembra una storia poetica sui famosi tramonti islandesi: in realtà la faccenda girava intorno al petrolio”.

Potete vedere moltissimo sul suo sito, anche il video di quest’installazione che la scorsa estate era ad Aarhus e che ho potuto vedere/vivere.

Un’esperienza emozionante: la confusione e il disorientamento iniziale lasciano poi il campo ai sensi che sono potenziati al massimo!