C come circo II

diane-arbus-mangiatrice-di-coltellidiane-arbus-the-weird-and-the-wonderful-tattooed-man-at-a-carnival-in-maryland-1970arbus384fc4d33dce7bfcfdf8da6826f0b1220eb2242a105473c516c283a16a99b478bthe-human-pincushion-ronald-c-harrison-diane-arbus-new-jersey-1962

Diane Arbus

“Una fotografia è un segreto che parla di un segreto. Più essa racconta, meno è possibile conoscere.”

C come coraggio

Ascolta il passo breve delle cose.

“Ascolta il passo breve delle cose
-assai più breve delle tue finestre-
quel respiro che esce dal tuo sguardo
chiama un nome immediato: la tua donna.
E’ fatta di ombre e ciclamini,
ti chiede il tuo mistero
e tu non lo sai dare.
Con le mani
sfiori profili di una lunga serie di segni
che si chiamano rime.
Sotto, credi,
c’è presenza vera di foglie;
un incredibile cammino
che diventa una meta di coraggio.

Alda Merini

C come contraddizione

“Erano esseri umani qualunque alla luce opaca di un albume alla coque, senza grazia, senza rivelazione, un miscuglio di contraddizioni, di facili princìpi: bisticciavano per cose in cui credevano per metà o in cui non credevano affatto, desideravano le comodità e una spartana austerità, l’autenticità e la posa, il calore della famiglia e la fuga dalla medesima. Volevano il formaggio e la cioccolata, ma sognavano anche di buttar fuori quegli stramaledetti prodotti stranieri. Volevano un amore folle che li proiettasse in cielo ma anche un amore tutto riso e dal, benedetto dal tran tran quotidiano, in cui le sorprese derivassero da qualcosa di assolutamente consueto, come sposare la figlia o il figlio del migliore amico di papà e lamentarsi del prezzo delle patate e delle cipolle. Desideravano ogni contraddizione che la storia aveva messo a loro disposizione, ogni contraddizione che avevano ereditato. Ma soprattutto, naturalmente, desideravano la purezza e l’assenza di contraddizioni.” da Eredi della sconfitta di Kiran Desai