O come occhiali

“Penso sempre a cosa significa indossare gli occhiali da vista. Quando ci si abitua alle lenti non si sa fino a che punto si potrebbe davvero vedere. Penso a tutte le persone che esistevano prima che gli occhiali fossero inventati. Deve essere stato strano perché ognuno vedeva in modo diverso a seconda di come vedevano i propri occhi. Ora, gli occhiali standardizzano la visione di tutti a 10 decimi. Questo è un esempio di come tutti quanti diventiamo simili. Ognuno potrebbe vedere a diversi livelli, se non fosse per gli occhiali.”
Andy Warhol

andre-kertesz-1926

Mondrian’s Glasses & Pipe di André Kertész

O come odore

“Era come una stazione degli autobus, un posto abbandonato, con i sedili tipo le carrozze dei vecchi treni della B.&O., le piattaforme della metropolitana, le stazioni della polizia. Univa insieme la caratteristica aleatoria e l’atmosfera caotica di un terminal pubblico con la sensazione di terrore che si percepisce immediatamente all’ultima tappa prima di una catastrofe.

Era un buco tetro, che puzzava di cuoi sintetico e disinfettante, ed entrambi gli odori sembrava venissero dal materiale graffiato e rovinato dei sedili allineati su tre pareti. Puzzava delle ceneri di tabacco che inondavano i due portacenere di metallo pensili. Sull’orlo cromato di uno dei due, splendeva un mozzicone umido di sigaro simile a un pezzo di carne masticata. C’era l’odore dei gusci delle noccioline e delle carte cerate di caramelle che imbrattavano il pavimento, l’odore di vecchi giornali, secco, d’inchiostro, soffocante come quello di un urinale, l’odore di sudore d’ascelle e di inguini e di schiene e di facce, che si spandeva e seccava nell’aria priva di vita, l’odore di vestiti-dei detergenti di cui erano imbevuti i tessuti che si diffondevano orrendamente nell’aria calda e dolciastra, pungendo le narici come spine-tutte le essudazioni della pelle umana, un bouquet di essenza animale, che fluiva intorno, si seccava, ma lasciava nella stanza un peculiare e inestirpabile odore di disperazione, come se le sostanze chimiche si fossero trasformate in puro spirito, in una sorta di particolare ascensione.

A ridosso della quarta parete era sistemato un tavolo traballante sul quale c’erano alcune riviste malandate. Le pagine di una svolazzavano per la folata di calore proveniente dallo sfiatatoio di una scatola di metallo sospesa al soffitto. La luce che arrivava dalle lampade del soffitto era acre e accecante come un respiro malato.

In quella stanza c’era un’evidente confusione dei sensi. L’odore diventava colore, il colore diventava odore. Il muto fissava il muto così intensamente che avrebbero potuto ascoltarsi con gli occhi, e l’ascolto diventava innaturalmente acuto, pur nella sola attesa delle familiari sillabe dei cognomi. Il gusto moriva, le bocche si aprivano nel malsano torpore dell’attesa.” da Quello che rimane di Paula Fox.

O come ombra e L come luce

Luce bianca

All’alba entrai

in un piccolo cimitero.

Fu in un paese lontano

ai piedi di una torre grigia

senza più voce alcuna

di campane –

mentre ancora la nebbia

inargentava

le querce oscure,

le siepi alte,

l’erica

viola –

Nel piccolo cimitero

le pietre

volte all’Oriente

come in un riso

bianco

parevano visi di ciechi

che allineati marciassero

incontro al sole.

Antonia Pozzi, 1933

732FEF5-6300-4903-9998-E2385C617

 

2-1

 

7d47b47659d93f2ca3cb072bfa28e482

3a51735d52bb8d74fd6ca842fb626c8f

29

835763bcfcdb030962031b8f8c10d1ae

e07fc8b5bda251a83c0d5b67d7ae12ea

crop

ciel-et-terre

 

gao0001

 

gao-xingjian1

WB004518 SW62A

images

goedhuis692011T164712

gao-xingjian-l-attente-lavis-encre-sur-papier-2004

T1238HK0498_7BLY7

large

large (1)

large (2)

large (3)

Gao Xingjian

O come Ofelia

Ophelia_1894.jpgGather_Ye_Rosebuds_While_Ye_May

J.W.Waterhouse
John William Waterhouse

John William Waterhouse

John_Everett_Millais_-_Ophelia_

opheliadett

John Everett Millais

LEFEBVRE-Ophelia-L

Jules Joseph Lefebvre

Nellie_Melba_as_Ophelia_in_Hamlet_(opera)_-_Henri_Gervex_ON2010-03-12

Henri Gervex

ophelia Georges Jules Victor Clairin

Georges Jules Victor Clairin

Ophelia-weaving-her-garlands-1842-xx-Richard-Redgrave

Richard Redgrave

Ophelia-xx-Arthur-Hughes

Arthur Hughes

Paul Albert Steck

Paul Albert Steck

« Oh, qual nobile mente è qui sconvolta!
Occhio di cortigiano,
lingua di dotto, spada di soldato;
la speranza e la rosa del giardino
del nostro regno, specchio della moda,
modello d’eleganza,
ammirazione del genere umano,
tutto, e per tutto, in lui così svanito!…
E io, la più infelice e derelitta
delle donne, ch’ho assaporato il miele
degli armoniosi voti del suo cuore,
debbo mirare adesso, desolata,
questo sublime, nobile intelletto
risuonare d’un suono fesso, stridulo,
come una bella campana stonata;
l’ineguagliata sua forma, e l’aspetto
fiorente di bellezza giovanile
guaste da questa specie di delirio!…
Me misera, che ho visto quel che ho visto,
e vedo quel che seguito a vedere! »

da Amleto (monologo di Ofelia) di Shakespeare