S come silenzio

Un altro amore a prima vista…l’olandese Jan Mankes.

Woudsterweg_bij_Oranjewoud

JanMankes2

s8

w068

MANKESUitzicht_atelier_te_Eerbeek

HfdL9MqOkt8

w068

s17

(c) The New Art Gallery Walsall; Supplied by The Public Catalogue Foundation

s19

JanMankes8

H0027-L04109150

d3834045r

7390001090_960f7b2b58_b

55702e56-fd99-4b42-a6d5-f5c8b1ded2d0_g_338

Witte_haan

s11

Grote_uil_op_scherm

Geit

JanMankes

Zelfportret

Jan Mankes

“Io scrivo, o piuttosto, io voglio dipingere in silenzio, ma anche cantarlo questo silenzio.”

Annunci

V come vuoto

download (3)

images (1)

download

download (1)

images (2)

download (2)

Barbara Hepworth

Ho sempre letto i vuoti attorno a cui si costruiscono le sculture di Barbara Hepworth come il fulcro in cui riverbera il senso di tutta la costruzione.

E per associazione di idee, ecco questa filastrocca (per chi vuole, poesia):

Silenzio

Il silenzio che amo

è quello che si staglia

fra una parola e l’altra

 fra torrente e boscaglia

quello di due persone

 che si stringono le mani

quello che fan gli uccelli

ogni sera sui rami

quello che fa la notte

quando ti sembra immensa

quello d’una tua voglia

impetuosa e intensa

quello che dalla linea

mossa dell’orizzonte

avvicina e allontana

la pianura ed il monte.

Il silenzio che amo

è quello che si staglia

fra una parola e l’altra

fra torrente e boscaglia.

Il silenzio che amo

è quello che dipana

 una parola e l’altra

e il silenzio allontana.

 Giuseppe Pontremoli

Il vuoto e il silenzio che completano e danno un senso tanto quanto la parola e il pieno.

“Gli spazi bianchi, quel vuoto di carta e di voce in cui galleggiano le parole dopo essere emerse con lentezza e prepotenza, sono silenzi.

E’ un vuoto che non è vuoto, anzi è pieno di suono che echeggia, di vita, di respiro, di presenza.

Gli spazi bianchi sulla pagina danno alle parole un tempo calmo, il tempo necessario per allargarsi in cerchi concentrici e sprofondare.” Chiara Carminati

S come suono e come silenzio

boubat10-thumb

Edouard Boubat

Potrebbe sembrare paradossale che uno tra i violoncellisti che amo di più, Mario Brunello, abbia scritto un libro sul silenzio. Invece suono e silenzio sono solidamente intrecciati e complementari. Come il buio e la luce, il vuoto e il pieno…

“Più penso al silenzio più mi sembra di sentire la musica.”

“La mente creativa, musicale di un solo uomo può nel silenzio aprire le porte a un’infinità di traiettorie di pensieri. Traiettorie che in quel momento di silenzio, scatenate dalle emozioni entrano in contatto.”

“Le cose non dette sono silenziose solo all’udito, ma esistono.”

E cita Saint-Exupéry: “Lo spazio dello spirito, là dove esso può aprire le sue ali, è il silenzio.”

Ascoltatelo qui ospite di TEDx.

Madras-1971

Ho scelto di accompagnare questo post con le foto di Boubat perché in queste foto io ci ho sempre percepito dei suoni!