C come copertina III

Altro genere di copertine questa volta, quelle dei dischi in vinile di Alex Steinweiss, il loro celebre e prolifico inventore. Qui potete ammirarne molte altre.

082083081085090092alex steinweiss094080022021001006016

Alex Steinweiss

I come imperfezione II

“Ho un modo di lavorare molto poco tecnologico. Matite per creare irregolarità, poi i lavori artistici più rifiniti sono un misto di acquerello, tempera e inchiostro. Sono sicura che molto di quello che faccio sarebbe più facile se usassi alcuni programmi al computer,  ma quello che non mi piace in molte illustrazioni contemporanee è che sono troppo perfette. Anche se sono una perfezionista ci sono molte irregolarità  leggere  e difetti e questo è bello. Sembra fatto a mano.”

emily1emily3butchersb.jpg_595greengrocersb.jpg_595greengrocers-interiorb.jpg_595web-Derek-Fox-butchers-Malton.jpg_595web-ducker-and-son.jpg_595web-Merchants-Hall-york.jpg_595treble-clef-musicb.jpg_595the-flour-dredgebr.jpg_595oxtobys-decoratorsb.jpg_595web-The-Yorkshire-Hussar-York.jpg_595web-rosa-salva-campo-santi-giovanni-e-paulo.jpg_595braemarbiscuittin.JPG_595sutton9sutton3Schermata-2014-03-16-a-20.07.41Schermata-2014-03-16-a-19.50.19Schermata-2014-03-16-a-20.05.46Schermata-2014-03-16-a-20.11.45A-Handful-of-Dust.jpg_595dickens.jpg_595Round-the-Christmas-Fire.jpg_595

“Mi piace molto la grafica. E’ la stessa ragione per cui mi diverto a disegnare la facciata dei negozi: mi piace il misto di colori, dettagli, segni e scritte. Questo da una forza, un’energia grafica. Tutte le volte che faccio la copertina di un libro scrivo con i miei caratteri. E’ qualcosa che risulta molto bello quando è preciso così è un’area  dove posso sfogare le mie fisse, le mie tendenze perfezioniste!” Emily Sutton

C come copertina II

“Non cercate di essere originali. Cercate di essere bravi.”

“Una buona soluzione, oltre a essere giusta, deve avere il potenziale della longevità. Non penso che si possa fare un design della permanenza. Si progetta per la funzione, per l’utilità, l’adeguatezza, la giustezza, la bellezza. La Permanenza riguarda Dio.”

“L’intuizione gioca una parte significativa nel design, così come nella vita. È la fase iniziale di ogni lavoro creativo[…]  La cosa importante è poi la decisione-se è giusta o sbagliata quell’intuizione, se seguirla oppure no.”

Paul Rand1c0c4fc49990d215a49b1f30d922812e

4b957237dcb8a2b10d0377be46db0d4e

6bb2b5a0e479f1f2755f0e6476d83271

26c41df6d66056b483855c4fe90b8b9f

15ff6796b6211f5d9a2d31741de37f3f

9a97cb044365f39c63e220d8f22718bf

03530fd1bd9ceb70b98ec8099f4da622

1941_Paul.Rand_

69a2504042e4ee8818efa24f76818d29

a650651214a0a5904567586ed14f8826

2858974347_fcd3c01993_b

21666b8543075f6bbef2ac73a8f0bb83

b3477f0e9f73902458f21e1ecc6e626b

b38a19aa3b0f0b0ad816407f1914f22c

b2bc4d8b4c40b56e55d76a7a68f3411b

d7171beb681ed90e12add9f51fa5a0f2

cf7f74fcd090eaf04225dff843a57fff

cb6cb4a6d3edc317b70ee9c97a64b041

tumblr_l9gpzcrxXl1qbuix3o1_500

son

il_fullxfull.298310490

tumblr_lry3pv7uX41qagc5do1_1280

Paul Rand

C come copertina

Di solito si dice di non giudicare il libro dalla copertina. Eppure le copertine (avendo un debole per la bellezza), mi attirano. E soprattutto le copertine di due volumetti che lessi anni fa, che riportavano le fotografie della scrittrice Maeve Brennan: così incantevole che non seppi resistere. Fu un bell’incontro, con una scrittrice preziosa che presta ascolto al mondo, un mondo pieno di nostalgia e desiderio.

200px-Maeve_Brennan1

kgsud00z

Maeve-Brennan (1)

maeve-brennan1

maevebrennan

maeve-brennan

MTE5NDg0MDU0NzM4OTk0NzAz

maeve-brennan-of-harpers-bazaar-trying-on-wooden-framed-glasses-1945-nina-leen

Ecco l’incipit di un suo racconto, Un sacro terrore:

“Era l’addetta alla toilette per signore del tranquillo Royal Hotel di Dublino. Mary Ramsay, voce ruvida, mani ruvide, maniere ruvide in tutti i modi possibili. Con quella lingua ti scorticava vivo, dicevano all’hotel. Tutti avevano paura di lei.

Nella toilette per signore, se per caso le fosse accaduto di darti le spalle (magari per prendere un asciugamano, o la spazzola per i vestiti), avresti visto quel suo grande deretano ballonzolare per la stanza. Era tormentata dall’artrite, alle gambe, alle braccia, ovunque. Aveva dolori a stare in piedi e a stare seduta, e quando rimaneva ferma per un certo tempo la rigidità la costringeva ad alzarsi e a muoversi. Le sue larghe pantofole da uomo, tagliate ai lati per renderle ancor più comode, le facevano i piedi piatti; e poi iniziavano le sue grosse gambe; tutte avvolte in calze di lana nera, s’insinuavano sotto la gonna, fuori dalla vista, in profondità inimmaginabili e in un’oscurità di pieghe di carne vezzeggiata. Era bella tonda, quella lì.”